Principesse, violini e … champagne

Mostra Storica dell’Operetta a Duino
novembre 29, 2010
Concerto d’operetta ad Aurisina
gennaio 5, 2011

Mercoledì 15 dicembre alle ore 17,30 nella Sala del Ridotto “Victor de Sabata” del Teatro Lirico G.Verdi di Trieste va in scena il concerto d’operetta che l’Associazione Internazionale dell’Operetta – Friuli Venezia Giulia e l’Associazione Musicale “Aurora Ensamble” organizzano come di consueto alla vigilia delle festività.  “Principesse, violini e … champagne” è il titolo della manifestazione che si avvale della collaborazione della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste e del Comune di Trieste – Assessorato Sviluppo Economico e Turismo, e del contributo della Provincia di Trieste, della Regione Friuli Venezia Giulia, della Camera di Commercio di Trieste, delle Cooperative Operaie di Trieste e della Banca Popolare Friuladria.

Protagonisti della serata  i soprani Consuelo Gilardoni e Maria Giovanna Michelini, il tenore Andrea Binetti. Insieme a loro si esibiranno il violinista Antonio Kozina, che proporrà al pubblico brani virtuosistici della tradizione danubiana, e il pianista Marco Rossi.

Nel 1964 va in onda alla televisione un ciclo di sei puntate dedicato all’operetta e intitolato Principesse, violini e champagne. Lo presentano la spumeggiante Lauretta Masiero e l’arguto Enrico Viarisio con l’apporto al pianoforte del maestro Cesare Gallino, vecchia volpe appena uscita dalla brillante esperienza del Festival triestino dell’operetta. E tanti sono i protagonisti planati dal Castello di San Giusto, come Edda Vincenzi, o prossimi alle glorie del Rossetti e del Verdi, come Elio Pandolfi. Il successo televisivo è enorme e l’Italia si scopre operetta-dipendente. Ora, nel ricordo di quel lontano, ma non dimenticato successo, l’Associazione Internazionale dell’Operetta e l’Aurora Ensemble rispolverano quel titolo per un delizioso concerto augurale natalizio, dove le principesse sono le garrule voci delle cantanti, il violino non manca con la sua romantica seduzione e lo champagne accompagnerà i lieti brindisi scacciapensieri di quanti accoglieranno il suo invito.

Il programma è un intrigante cocktail di operette viennesi e italiane, dove le prime emergono con il fascino indistruttibile dell’epoca d’oro di Johann Strauss, con tante bollicine, e quello più piccante e indiavolato dell’epoca d’argento. E’ quest’ultima un periodo di singolare estro creativo, che parte dalle incantevoli creazioni di Franz Lehár per snodarsi attraverso il pungente gusto ungherese di Imre Kálmán, fino allo spumeggiante virtuosismo di Paul Abrahám e di Ralph Benatzky, dalla Nizza di “Ballo al Savoy” al Salzkammergut del “Cavallino bianco”. A “La danza delle libellule”, proposta dalla fantasia di Carlo Lombardo sulle pagine di Lehár, il compito di anello di congiunzione con l’operetta italiana, presente  anche con la deliziosa “Scugnizza” di Mario Costa e con il grande nome di Ruggero Leoncavallo sempre a tempo di valzer. Valzer che domina, assieme a tango, fox trot e shimmy, e naturalmente alla csardas, sulle ali del violino.

 

Informazioni

I biglietti, al costo singolo di 10 euro, potranno essere acquistati presso la Biglietteria del Teatro Verdi numero verde 800 090373, da martedì a venerdì ore 8.30  – 12.30, 15.30-19 (nei giorni di spettacolo serale ore 17-20); sabato ore 9-16. Domenica e lunedì chiuso.

Informazioni potranno essere richieste all’Associazione Internazionale dell’Operetta FVG -Via Ponchielli, 3 – Trieste; tel. 040-364200; e-mail info@triesteoperetta.it, www.triesteoperetta.it